Mediterranea Saving Humans - Migrazioni, diritti e dignità

Dove sei: Homepage > Notizie e comunicati > Notizie Le nostre campagne > Mediterranea Saving Humans - Migrazioni, diritti e dignità

13-06-2019

Venerdì 28 giugno, a partire dalle 21 in piazza Calcagnini a Formigine dibattito pubblico a più voci su “Migrazioni, diritti e dignità”. Uno degli obiettivi è quello di far conoscere il progetto di Mediterranea Savings Humans nell'attuale contesto migratorio, ragionando a partire da esperienze dirette, valori comuni e contributi qualificati.
L'ondata di intolleranza o di indifferenza nei confronti di chi versa in condizioni difficili va contrastata con la conoscenza dei fatti e la forza dell'esempio, partendo dal contesto formiginese E lo faremo fino a giungere allo scenario nazionale e internazionale nel quale siamo inseriti.

Ne discuteremo con:
Don Mattia Ferrari – sacerdote di Nonantola, imbarcato sulla Mar Jonio
Fausto Gianelli – Avvocato, Coordinatore provinciale Giuristi Democratici

Modererà la serata Giuseppe Morrone – ricercatore Laboratorio di Storia delle migrazioni-UNIMORE
Organizzano: Formigine per Mediterranea, Circolo Arci “Francesco Flora” (Formigine)-Arci Modena, Agesci Formigine 1, Moninga, Caritas parrocchiale, Cose dell'altro mondo con il patrocinio del Comune di Formigine
Sarà presente uno stand di Mediterranea per la raccolta fondi.

 

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica politica, senza che mai nessuna inchiesta abbia portato a una sentenza di condanna, sono in gran parte state costrette ad abbandonarlo. Mediterranea svolge un’ essenziale funzione di testimonianza, documentazione e denuncia di ciò che accade in quelle acque, e che oggi nessuno è più messo nelle condizioni di svolgere. Quella di Mediterranea è un’azione di disobbedienza morale ma di obbedienza civile: disobbedisce al discorso pubblico nazionalista e xenofobo e al divieto, di fatto, di testimoniare quello che succede nel Mediterraneo; obbedisce, invece, alle norme costituzionali e internazionali, da quelle del mare al diritto dei diritti umani, comprese l’obbligatorietà del salvataggio di chi si trova in condizioni di pericolo e la sua conduzione in un porto sicuro se si dovessero verificare le condizioni. Mediterranea è un’ “azione non governativa” portata avanti dal lavoro congiunto di organizzazioni di natura eterogenea e di singole persone, aperta a tutte le voci che da mondi differenti, laici e religiosi, sociali e culturali, sindacali e politici, sentono il bisogno di condividere gli stessi obiettivi di questo progetto, volto a ridare speranza, a ricostruire umanità, a difendere il diritto e i diritti.

“Essere dove rischia la vita chi affronta in mare enormi pericoli: per noi questa è oggi la scelta giusta. E’ l’unica scelta per chi non si rassegna ad un’Italia e ad un’Europa fatta di porti chiusi, intolleranza, indifferenza complice. Per questo abbiamo scelto di salire a bordo e di seguire la rotta della civiltà”. Con queste parole è stata lanciata Mediterranea Saving Humans, la prima nave solidale battente bandiera italiana, salpata il 3 ottobre 2018. Un gruppo formato da attivisti e attiviste, associazioni, forze politiche e sociali, che si è attivato per testimoniare quello che succede nel Mediterraneo da quando il governo italiano ha cacciato le ONG. 

Vuoi organizzare una cena di raccolta fondi per sostenere Mediterranea? Contattaci su modena@arci.it

 

 

 



Allegati: